martedì 8 luglio 2008

sempre in tema di risate

uffff, è caldo, è davvero caldo ed io... ho la bronchite!
Si, perchè l'aria condizionata assassina di bus e locali pubblici mi ha letteralmente preso per la gola...

Tra un colpo di tosse e una sudata, ho giusto le forze di pubblicare la notizia di un simpatico concorso, quello per la risata più lunga, tenutosi sabato a Pattaya, in Thailandia con lo scopo di rilanciare l'immagine della città, famosa purtroppo non solo per il paesaggio e le coste ma anche per gli alti tassi di criminalità.

Il premio? 2.000 €, più un bel toccasana per la salute e l'umore!

Vincitrice è stata la signora Jittarat Wongsomboon, un'ilare insegnante che ha riso per oltre 12 minuti con picchi di tono da 110 decibel!!! Quel che si dice una risata tuonante! Peccato non averlo saputo prima, potevo portarci mia zia O.: allora si che avrebbero capito cosa significa morire dalle risate!!!

Qui il video (non di mia zia O.)

7 commenti:

anarchiaostrense ha detto...

Averlo saputo..avrei potuto partecipare portandomi dietro
la foto del nanofascista e sicuramente la vittoria per la risata più lunga (e volendo anche del pianto più lungo), non mi sarebbe sfuggita.

Serola ha detto...

a me lo psiconano suscita solo rabbia, nausea ed ultimamente una certa paura: è mortale, vero? Visto che gli elettori dello stivale sono così autolesionisti, l'ultima mia speranza è che almeno sorella morte riuscirà prima o poi a togliercelo definitivamente di torno...

Anonimo ha detto...

Appeso in Piazzale Loreto.

paolo ha detto...

fare la tua conoscenza è stato un vero piacere

salutami quelli del DDF!!

Serola ha detto...

@ Anonimo: appeso in piazzale Loreto mi pare una cosa troppo forte, altisonante, epocale direi... Speravo in qualcosa di più prosaico, che so, un infartino del miocardio... magari mentre sta facendo il porco con una supporter-soubrette...

@ Paolo: anche per me, è stata davvero una bellissima serata. Coi DDF non si parla, sta scritto nello statuto del vero corinaldese!!! A presto. Sere

andrologo ha detto...

..memore delle gesta del suo "padrino"..non lo vedrei male nemmeno in esilio ad Hammamet, con una occlusione totale da ipertrofia prostatica (insieme a quel pappamolla istituzionale di Napo Orso Capo).

Serola ha detto...

Ciao Andrologo, no in esilio ad Hammamet no, che dopo ci diventa un martire come il suo padrino...

PS: bel link, molto dettagliato, grazie!