domenica 19 ottobre 2008

Biowashball: i primi test!

Sono arrivate le palline delle mie brame: due Biowashball verde ramarro, sonanti come maracas, efficienti come ufficiali svizzeri (e non a caso...).

Arrivate esattamente (svizzere, dicevo...) una settimana dopo l'ordine on-line, sono state sottoposte fin'ora a tre diversi test casalinghi. Prima di tutto, però, vorrei premettere che non sono sponsorizzata dalla ditta che le produce né da chi commercializza invece detergenti tradizionali, non piglio una lira (pardon, un neuro) e non garantisco uguali risultati: queste sono mie personalissime valutazioni.

Ma cominciamo, che mi sento tanto Paco Lanciano! (PS: per calarvi nell'atmosfera, potete cliccare il video sottostante...)



Test n.1: Once Were White...


Ho ammucchiato parecchi capi (ex-)bianchi, di cui alcuni abbastanza sporchi. Accappatoi, asciugamani, tappeto del bagno, (ex-)biancheria, calzini di spugna ecc... Roba che di solito lavo a 60° (se non a 90°) con dosi generose di detersivo rafforzate da candeggina (et abbondante ammorbidente, sennò la mattina mi scartavetro la faccia con l'asciugamano). Stavolta ho impostato il lavaggio a 40° con una sola Biowashball.

Risultato: i capi sembrano abbastanza puliti (anche il tappeto del bagno che era fetidino dopo una settimana di calpestamenti), e sono morbidi (ovvio che il vecchio asciugamano "cartonato" non diventa magicamente soffice, ma almeno non si trasforma in una grattugia) e privi di odori. Dico abbastanza puliti perché alcune macchie non sono andate via del tutto, resta un po' di alone. Soluzione (suggerita anche dalla casa produttrice): pretrattare le macchie più difficili con sapone di marsiglia e/o lasciare il capo in ammollo con la Biowashball per un ora, oppure aggiungere 1/5 della dose normale di detersivo usata abitualmente.

Giudizio: da ripetere con pre-trattamento e due Biowasballs

Test n.2: Arlecchino


Ho fatto una bracciata di tutto ciò che non era bianco, mischiando una cacofonia di colori e tipologie di tessuti da fare inorridire qualsiasi lavandaia sana di mente. Niente di particolarmente sporco, solo da "rinfrescare" ma c'ho perfidamente ficcato anche la mia "divisa" del tennis ed i temibilissimi calzini del marito (roba che solitamente neutralizzo accuratamente per evitare che solerti ispettori di passaggio la scoprano seguendo la scia olfattiva, me la cataloghino come arma di distruzione di massa e vengano a bombardarmi il sottoscala). Ho pretrattato col sapone marsiglia alcune piccole macchie (tipo gli aloni del deodorante sulle maglie scure), e lavato il tutto con una sola Biowashball a 30° e senza ammorbidente.

Risultato: tutto pulito e morbido, e sconvolgentemente privo di qualsivoglia odore!!! Occhio però che la Biowashball non impedisce alla vostra impestatissima maglia rossa di stingere come ha sempre fatto negli ultimi due anni: io ho usato l'acchiappacolore...

Giudizio: me piace!!!

Test n.3: Sere, mo datte 'na calmata...

Avendo momentaneamente esaurito tutto il lavabile nella apposita cesta dei panni, oggi mi aggiravo irrequieta per la casa fin quando i miei avidi occhi da lavanderina mannara hanno messo a fuoco quel viluppo inestricabile che, in una casa gestita da una massaia come si deve, sarebbe stato ricomposto in un giaciglio perbene... Due secondi dopo, le lenzuola giallo canarino erano in lavatrice con una Biowashball a 40°.

Risultato: pulite, morbide, inodori.

Giudizio: la prossima volta scendo a 30°

Insomma, sembra che le pallotte funzionino bene. Ho altri test in programma (dalle tovaglie tempestate di skizzi und grassi ai delicatissimi maglioncini di lana), per cui appena possibile pubblicherò un secondo post.

Dopodiché, se qualcuno volesse provare le Biowashballs di persona, potrei anche prestarle, ma occhio che le ho battezzate: si chiamano Pietro-torna-sempre-indietro ed Emanuele-è-molto-fedele...

22 commenti:

Roblog ha detto...

benissimo!!

Danilo ha detto...

Devo sentire il comandante, e lei che sovrintende al lavaggio di bucato e affini (che sarebbero i fazzolettini o ciaffi vari, che impunemente lascio dentro le saccoccie) e poi ti darò pecunia e ordinativo.
Ciao Sere

LorenzoMan ha detto...

Brava Sere! Mi hai quasi convinto, nel senso che la mia Ladydiferro avrebbe catalogato la pallina come "cazzata" già al primo esperimento, ma la perseveranza premia sempre.
Se, con i giusti accorgimenti, si riescono ad ottenere buoni risultati, mi hai anche risolto il problema "regali di Natale" per mamma e sorelle.
Facci sapere di altre prove e, soprattutto, a quando il prossimo ordine.
Dimenticavo! Prova del nove con gli indumenti da lavoro di domenica prossima!!! Ci vediamo al sottopassaggio.

maddeche ha detto...

brava Serena, persevera, attendo risultati su seta e ciniglia, i miei capi per la notte

se porti un paio di palle al sottopassaggio domenica, proviamo a tirarle contro il muro, chissà...

LorenzoMan ha detto...

Ecco, adesso l'immagine di Maddechè in seta e ciniglia mi causerà dolori addominali per tutto il giorno... ;-)

Anonimo ha detto...

Scusa Serena, prova a fare un lavaggio senza sfera e senza detersivi, cioè solo con acqua a 40 gradi. Il pretrattamento e' sempre utile. Potremmo avere delle sorprese ....

Un saluto da Pasquale

LorenzoMan ha detto...

Stiamo andando forte. Se riusciamo a fare un lavaggio senza sfera, senza detersivi, con la Xeros che lava senz'acqua e anche senza energia elettrica anche la Ladydiferro dovrà capitolare!:-D

Serola ha detto...

Raga, la Biowashball non fa miracoli, per cui non vi aspettate che la vostra maglietta grigiastra torni candida come l'anima di un neonato, o che il pigiama di ciniglia ormai quasi regredito allo stato di ragnatela ritrovi la vaporosità iniziale! O, per la Lady ferrea di Lorenzo, che i panni poi si stendano e si stirino da soli...

Da quel che ho visto nei miei test casalinghi, la pallina sembra funzionare abbastanza bene! Per Salvatore: il tuo commento è più che sensato, ed è probabile che lavando con la sola acqua a 40° capi poco sporchi e pretrattati si ottenga lo stesso livello di pulito. Quello che probabilmente non si ottiene è l'igiene: anche le nostre nonne, quando lavavano al fiume, aggiungevano la cenere per le sue capacità antibatteriche. Non essendo un chimico e non avendo modo di verificarlo, mi tocca fidarmi di quello che afferma la casa produttrice della Biowashball e che si conferma in rete: la pallina avrebbe effetti antibatterici.

Se qualcuno ha altre informazioni a supporto o confutazione di quanto sopra me lo faccia sapere che, ribadisco, io non ho alcun interesse personale a promuovere o sconsigliare l'uso della Biowashball: sono solo molto curiosa di appurare le sue reali proprietà.

Ora vi aggiorno con l'ultima prova: colorati scuri poco sporchi, incluse le mie famigerate scarpe da tennis puteolenti, solo con la pallina a 30°. Risultato: tutto pulito e inodore tranne le scarpe, che sono sì pulite e si possono annusare senza rischiare la vita o la sanità mentale, ma conservano ancora un vaghissimo aroma di formaggio stagionato...
Come dicevo, la Biowashball non fa miracoli...

A presto e grazie a tutti.
Sere

annap ha detto...

incuriosita l'ho comprata!!!
(coraggiosamente ne ho prese 5..pensando ai regali di natale)

l'ho provata!!!!!

primo lavaggio l'unto non si è tolto...ho provato con uncucchiaio di detersivo per piatti (quello che vendo io nella fattispecie)
risultato: le macchie di vino rosso, di sugo, di nutella e caffe....fatte apposta per vedere l'efficacia dellle sfere....sono sparite!!!!

funzionano!!!!

ho preso contatti con la aziwenda per vedere se posso commercializzare anche questo prodotto, visto che già propagando altri articoli per la casa ecologici!!!!!


grazie anche alla tua recenzione, che se permetti, citerò nel mio forum!!!! vuoi???? grazie!!!!!

Serola ha detto...

ma certo, cita pure, e grazie per la conferma del funzionamento delle pallotte!

Anch'io mi sto organizzando per i regali di Natale ;)

Ciao
Sere

annap ha detto...

allora metterò un riferimento al tuo blog nel mio forum. grazie!!!!

Anonimo ha detto...

Ciao,
una info (se la sai) , non ho trovato indicazioni (o controindicazioni) sull'uso dell' anticalcare. Per risparmiare il detersivo non vorrei friggere la lavatrice.....
Si sà qualcosa a proposito?

ciao,
Max.

Serola ha detto...

Ciao Max,

nel foglietto illustrativo arrivato insieme alle Biowashball non si parla di anticalcare.

Tuttavia, dicono che si può tranquillamente utilizzare il detersivo insieme alle palline, quindi sarei portata a pensare che un anticalcare non dovrebbe danneggiarle: del resto si tratta di sfere di microceramica, non credo siano alterabili da un anticalcare.

Invece, c'è l'indicazione di non usarle mai per lavaggi a temperature superiori ai 50°: forse lavaggi più forti potrebbero rovinare la microceramica...

Comunque mi hai messo la pulce nell'orecchio: ho appena scritto al distributore svizzero, riporterò sul blog la loro risposta.

Grazie. Ciao
Serena

Serola ha detto...

Ho ricevuto la risposta del distributore svizzero che m'ha fatto mazzà, vi riporto lo stralcio comico:
"Grazie per il messaggio e la richiesta di informazioni.

Siamo vittima del successo del Biowashball Italia
."


Ahahah, se sapessero quanto c'entra questo blog... comunque hanno detto che è controindicato usare anticalcari di una certa marca molto famosa, che non vorrei menzionare per paura di simpatiche denunce... Chi fosse interessato a ricevere copia della loro mail, può scrivermi a serola.m@gmail.com

Ciao
Sere

cittadinoQQ ha detto...

ciao, anch'io ho la biowashball e ho fatto già diverse prove.
Posso confermare più o meno tutto ciò che dici tu, comunque mia moglie ci mette anche un pò di ammorbidente.
Per le tovaglie usiamo ancora il metodo tradizionale.

ps: vedo che ti interessa molto la musica e così volevo dirti che oltre al mio blog personale, io suono con un amico e abbiamo un blog musicale dove si possono ascoltare anche i nostri pezzi amatoriali, se ti va passa a visitarci
http://maiosound.blogspot.com

ciao

Serola ha detto...

Ciao cittadinoQQ,

grazie per il commento e per la segnalazione del tuo blog, ma ho visto dal tuo profilo che ne hai anche un altro: molto interessanti entrambi!

A presto
Sere

annap ha detto...

Rieccomi qui a parlare della pallina magica.
allora...i miei esperimenti mi hanno confermato l'efficacia della pallina, e confrontandola con altre palline simili(di imitazioni ce ne sono tantissime, ne fanno anchela pubblicità in televisione) ho capito che anche in questo settore ci sono le imitazioni: ragazzi ricordatevi che "chi spende, meno spende" lo diceva la mia nonna ed aveva ragione...a volte per sentirci più "bravi e aver risparmiato" prendiamo di quei pacchi hahahahah.
ritorniamo alle Biowshbal.. rispondo per la questione ANTICALCARE.... in pratica la pallina rompe i cristalli che formano il calcare, questo è il motivo che i panni colorati risultano più brillanti e morbidi: perchè il calcare è quasi scomparso.

altri utilizzi della pallina.
vi ho detto che la conoscevo da molto tempo, ma che nonriuscivo a trovarla, e solo dopo l'intervento di Grillo ho scoperto come trovarla....
le mie amiche che ce l'hannoda tempo, e che gelosamente non me l'avevano procurata (va bhè stanno ingermania....e non sapevano nemmeno loro dove trovarla...ed ora si!!) mi hanno detto che loro la usano nella vasca da bagno!!! si!!! per fare il bagnetto ai piccoli e per loro....mettono la pallina in ammollo nella vasca e ci si lavano, la pelle (assicurano) diventa morbidissima) questo non posso provarlo, perchè ho la doccia, ma mi riservo di farlo appena trovo un'amica...compiacente!!!

altro utilizzo: nel frigorifero, dove mantiene la verdura fresca, senza appassire (come farà non ho ancora capito, ma sembra che sia vero....non vorrei essere di parte, ma nel mio frigo funziona.)

ancora altro utilizzo: nell'acquario :la mia amica tedesca dice che ce l'ha nell'acquario, al posto di quella pietra (non ne so nulla di acquari) che rende il ph più leggero per i pesci tropicali!! boh, per me e per quello che mi serve già va bene.
Ho preso accordi con il distributore per averle ad un "buon" prezzo e quindi rivenderle a prezzo più conveniente, quindi se volete, venite a trovarmi nel mio forum....
ciao Serola, grazie anche al tuo blog!!!!

(c'è il CIS di Milano che si è accordato per un prezzo "politico" chi lo frequenta è avvantaggiato!!!) ciaoooooooo

http://chiacchiere.forumattivo.com guardate nella sezione mercatino- Biowashball.

Libero ha detto...

Ciao Serola, hai letto qua?
http://attivissimo.blogspot.com/2008/11/biowashball-una-palla.html

saluti

Libero

stellablu ha detto...

Ciao,scrivo qui per dire che io non so se lava o meno con gli infrarossi o coi batteri, però i miei asciugamani , le mie magliette, i miei strofinacci e tutto il resto diventano bianchi, puliti e senza odori e tutto a 40 gradi.
E vi dirò anche che io continuerò ad usarla. Ciao

Actarus ha detto...

Questa palletta mi incuriosisce. Ho fatto qualche ricerca su internet e di testimonianze ce ne sono a quintali. Ora, anche a costo di buttare dei soldi, voglio dare anche io la mia testimonianza. La ordino subito.

Serola ha detto...

Occhio che ci sono dei test che mettono in dubbio l'efficacia della Biowahsball, leggere qui!

Balok ha detto...

Votate i vostri test a questo link: http://www.osen.it/Biowashball/ così magari ci facciamo tutti un’idea migliore.