venerdì 9 novembre 2007

gufi o allodole???

C'ho un sonno... Anche ieri, nonostante mi fossi solennemente ripromessa di andare a nanna presto, ho toccato il cuscino più vicina all'alba dalle dita di rosa che al tramonto... uffffffff

ma che ci posso fare? proprio non riesco a far coincidere il mio orologio biologico con quello solare e sociale... Sereña, ñjiaaaa ffamo! Il problema vero, però, non è tirar tardi la sera, quello mi viene naturale: il dramma è quando suona la sveglia, che preferirei una coltellata tra le scapole!!!

Quando vivevo coi miei, questo era fonte continua di orticaria per mio padre, tipo mooolto mattiniero, che non sopportava proprio l'idea che io dormissi fino a tardi e poi magari restassi a studiare fino alle 2/3 di notte. Secondo lui era pura e semplice pigrizia, non sono mai riuscita a fargli capire che se uno studia/lavora tot ore, restano sempre tot ore ,indipendentemente da quando si inizia...
ma la relatività è un concetto che con lui non attacca ;)

Giuro che c'ho provato a cambiare ritmi, ma con risultati disastrosi: la mattina presto non sono assolutamente in grado di connettere... Fortuna il mio "pilota automatico" che mi consente di alzarmi e partire senza svegliarmi veramente: ogni mattina verso le 9 mi ridesto già seduta alla mia scrivania, miracolosamente lavata, vestita ed incolume....

Per questo, oltre che per lo sguardo mooolto miope, io sono decisamente gufa.
____
( ' v ' )

MAAA... ora, dopo anni e anni di "cighe" prese per la mia poltroneria, ci sono fior fiore di articoli che analizzano il fenomeno da tutti i punti di vista, assolvendo finalmente noi gufi dall'ingiusta accusa!
Sentite qui: i meccanismi che regolano la veglia e il sonno sono regolati dal nucleo suprachiasmatico (suprachè???) dell'ipotalamo su cicli circadiani di circa 24 ore che, pur se influenzati dalla presenza o assenza di luce solare (vi ricordate il nostro conterraneo Montalbini nelle grotte?), hanno comunque una componente genetica individuale che può causare degli "sfasamenti": "secondo una ricerca recentissima dell'Università di Surrey," ciò "dipende dalla lunghezza di uno dei principali geni orologiai delle cellule del nucleo suprachiasmatico, detto periodo 3. Individui che hanno il periodo 3 troppo corto hanno difficoltà a dormire nelle prime ore della notte e, quindi, a svegliarsi presto al mattino".

Gufi di tutto il mondo, abbiamo avuto il nostro riscatto, con tanto di ratifica dal mondo scientifico. Ah Dante Alighieri, papino e allodole tutte: PRRRRRRR!

Non solo, adesso si inizia gradualmente ad adattare ai diversi ritmi le strutture crono/sociali una volta considerate inalterabili (ho letto che programmi di allenamento specifici per atleti "mattinieri" o "serotini" sono ormai routine). A quando un orario elastico per scuola e lavoro? MMMM, non vedo l'oooooora

PS:
ci sono anche delle persone che non si riconoscono in nessuna delle due categorie, perché andrebbero a dormire prestissimo e si alzerebbero tardissimo... Ne conosco alcuni ottimi esemplari ;)
Per loro suggerirei la creazione di una terza categoria, quella dei ghiri!

2 commenti:

Anonimo ha detto...

AHHH bella!!!!
E' la tua sorellina che parla...guarda che se provavi a chiedere te l'avrei potuto spiegare da un pezzo, senza scomodare i pezzi grossi dell'università di non so dove...
Sai, comunque sono gufo anche io..e ne vado fiera...Diego un pò meno, perchè rompo sempre i maroni la notte e on lo lascio dormire..ihihih..al contrario però lui si prende la rivincita alla mattina..cnosci bene il mo occhio Bovinoo..
A proposito in università avevo fatto un seminario notturno, su questa cosa, con tanto di lezioni e test ogni due ore per vedere che tipi eravamo e per avere la riprova scientifica del fatto, visto che gufi e allodole differivano in temperature corporee e pressione arteriosa...
Ora nonstante l'occhio a fanale abbagliante provo ad andare a nanna, e a contare pecorelle, granelli di sabbia, gocce d'acqua del mare, e tutte ste stupidate...forse è meglio provare a contare (per non dire mangiare)i cioccolatini....notte notte!

Sara

Serola ha detto...

tesoooooooooooooooro, quanto mi manchi!!! Veramente io non so te come fai a dormire con il rumore delle auto di tutta la ciudad sotto le finestre, io sarei uscita pazza dopo una settimana!!! Comunque conosco bene il tuo occhio bovino, mi manca pure quello (chi l'avrebbe mai detto?!?!?!).
Allora, dopo quanti cioccolatini ti sei abbioccata?
;)