giovedì 24 gennaio 2008

bagarre televisiva

ho cercato di guardare Anno Zero, davvero, c'ho provato con le migliori intenzioni, ma non ce l'ho fatta... ho retto solo un po', poi ho dovuto cambiare (e sono incocciata su Porta-a(gghiacciante)-Porta e su altrte cagnare politico-medianiche, orrore, ho spento!!!)

Non sopporto tutta quella gente che si "sbrana", che non lascia la parola agli altri, che parla "sopra" agli altri, senza far finire un discorso, senza dar modo di rispondere alle domande che loro stessi hanno posto... MI VIENE L'ORTICARIA!!!
e mi fa rabbia, perchè Anno Zero è una delle poche trasmissioni che mi interessano...

Ma ormai la "cultura televisiva" italiana è così: che sia un confronto tra pseudo-Amici, che sia una qualsiasi Domenica italiana, che sia il politico della Porta accanto, tutti convenuti fanno del loro meglio per dare il loro peggio...

c'è quasi da ammirarli ... se non fosse che MI DANNO FASTIDIOOOOOOOOO!!!!

ufff... per questo preferisco leggere!

2 commenti:

Sergio ha detto...

Ieri sera ho visto "A porta, a porta" ed ho quasi litigato con mamma e tutto per colpa di quel moscone di Vespa che non gli frega un cazzo di svelare le verità della politica o interessi della popolazione, interessi veri, non quelli di "Mannaggimer".
C'era il superministro Tremonti, l'inchiodato (alla poltrona) D'Alema e non mi ricordo il nome... giornalista famoso. Dopo 30 minuti che ascolto i battibecchi tra i due che erano orientati sul tipo: "...ho ragione io...", "...no, ho ragione io...tu non capisci niente di economia..." mi sono reso conto che la verità su chi ha sprecato di più non sarebbe venuta fuori, eppure penso che sia abbastanza semplice per laureati anche in economia e commercio stabilire cosa fa' guadagnare e cosa fa' spendere!?! Ma quello che mi fa arrabbiare di più è Vespa perché non invita specialisti abbastanza indipendenti che dicono la situazione reale dell'economia italiana, laureati che lavorano presso il governo che hanno il bilancio vero con i totali.
Piccolo sfogo che non fa cambiare nulla.
Penso che non andrò più a votare per quanto ne dica Marcoleo ed altri che è l'unica modo per cambiare la politica.

Serola ha detto...

condivido quello che dici e anche l'astio verso quel marpione di Vespa, chiamarlo giornalista dovrebbe far fremere di sdegno tutti i giornalisti veri!

sono molto tentata anch'io di non andare a votare... l'unica cosa che mi trattiene è il pensiero che se poi vincesse lo psico-nano non potrei mai perdonarmelo!

argh, ma perchè l'unica forma di scelta che ci è concessa è fra il peggio e il meno peggio???