sabato 23 agosto 2008

che bordello...

No, non sono stata ad Amsterdam nè coi papaboys (ahahah, Marco e Ste perdonatemi), mi riferisco al mio rientro al lavoro dopo due settimane di ferie: torno al pc sperando di fare sensazione con la mia fantastica abbronzatura (mai vista prima dai miei colleghi, visto che la mia agguerritissima melanina sudista non si era ancora potuta esprimere poiché per anni le mie ferie coincidevano con inquietante regolarità con dei veri e propri monsoni), invece mi sono ritrovata a boccheggiare immersa in una crisi lavorativa senza precedenti!!!
- due settimane di ordini arretrati, coi clienti stranieri furibondi perché per loro il concetto di chiusura aziendale è estraneo quasi quanto quello dei diritti civili (sarò anche sfigata in quanto metalmeccanica, ma almeno non lavoro in Asia...),
- il mio collega preferito ancora in ferie, presente invece il mio collega "furbetto", più furbetto che mai (mai udite dalla sua bocca le parole "serve" e "aiuto"),
- il mio capo a casa, vittima del peggior attacco di virus gastrointestinale che la medicina umana ricordi (avrà mica "bevuto" un po' d'acqua facendo un tuffo nell'Adriatico, dalle parti di Falconara???),
- la rottura dell'impianto di aria condizionata, che ci ha lessati lentamente ad una simpatica temperatura media di 32° C, con umidità al 110% aggravata dalle copiose sudate della sottoscritta quando chiamava l'ennesimo cliente imbufalito o arrivava il Supremo in persona a chiedere lumi!!!

Insomma, tra il caldo, la depressione del rientro, i telefoni che squillavano senza posa... è stata proprio una bella settimana...

Unica consolazione: i fantastici tramonti di cui ho potuto godere tornando a casa due ore più tardi del solito...

Non possedendo una macchina fotografica, appiccico qui una foto di Andrea C. per rendere l'idea...


3 commenti:

maddeche ha detto...

adoro il tuo collega stronzo... mandamelo giù, lo faccio lavorare un po' dai miei ragazzi...

Serola ha detto...

ahah, volentieri, però solo se i tuoi ragazzi sono grandi grossi e cercano disperatamente un modo per sfogare il suprplus di energie giovanili!
Ciao
Sere

maddeche ha detto...

no, i miei ragazzi sono peggio di lui e gli farebbero vuotare anche i cestini della carta, con quella delle pulizie che lo frusta col cavo della stampante...